GLOSSARIO

A
AKI = autunno.
AKI NO NANA KUSA = le 7 erbe evocatrici dell’autunno nell’immaginario giapponese.

B
BON (o OBON) = è la festa degli antenati, una ricorrenza che si celebra tra il 13 ed il 16 agosto.
BUKKA = ikebana dedicata alla divinità (Buddha); nell’antichità veniva fatta con tre fiori di loto.
BUSHI = i samurai; guerrieri del periodo medioevale.
BUSHIDO = la via del guerriero.

C
CHA = tè.
CHA NO YU = la cerimonia del tè (letteralmente “acqua calda del tè”).
CHABANA = letteralmente “fiori del tè”; è la composizione che accompagna la cerimonia del tè.
CHADO = la via del tè.
CHI = terra (il negativo); contrapposto a ten.
CHOSHI = significa “lungo”; è l’elemento principale della composizione (ne determina lo stile); rappresenta il cielo.
CHUSHI = significa “medio”; è il secondo elemento più importante; deve essere 2/3 di choshi; rappresenta l’uomo.

D
DEBUNE (o DEFUNE) = barca in partenza.
DOJO = zona del tempio zen in cui viene praticata la meditazione (letteralmente “luogo della via”).

E
EDO = periodo storico giapponese (1603-1867).

F
FURYU = cosa di gusto prezioso, ma non sfarzosa.
FUROSHIKI = pezzo di stoffa quadrato (generalmente di cotone) usato per trasportare oggetti.
FUYU = inverno.

G
GAGAKU = musica ufficiale della corte imperiale giapponese (letteralmente “musica elegante”).

H
HAIKU = componimento poetico giapponese di 17 sillabe.
HANA = fiori.
HANAMI = soffermarsi ad ammirare i fiori (tradizione giapponese).
HANANOKOKORO = il cuore dell’ikebana.
HARU = primavera.
HASAMI = forbici da ikebana.

I
IKEBANA = letteralmente “rendere visibile la vita dei fiori”; antica arte giapponese della disposizione dei fiori recisi.
IN = lo ying cinese (il femminile); contrapposto a yo.
IRIBUNE (o IRIFUNE) = barca in arrivo.

K
KAKEMONO = scritti, calligrafie oppure dipinti verticali.
KANNO = azione dolce ed amabile.
KAMI = divinità.
KAREMONO = materiale secco.
KARESANSUI = l’arte di disporre le pietre su un fondo di ghiaia.
KENZAN = letteralmente “montagna di spada”; sostegno per fiori nel moribana.
KIGO = parola chiave in un haiku riferita ad una stagione.
KIREJI = parola che chiude un haiku.
KUBARI = supporto per fiori fatto da un ramo tagliato (proprio della scuola ikenobo).
KUSAMONO = materiale erbaceo.

M
MA = lo spazio; il vuoto.
MIZU = acqua.
MIZUAGE = le varie tecniche di condizionamento per prolungare la vita dei fiori.
MIZUGIRI = tagliare sott’acqua (forma di condizionamento).
MIZUGIWA = livello dell’acqua.
MORIBANA = letteralmente “fiori ammassati”; tipo di ikebana con vaso basso (detto suiban).
MORIMONO = decorazione per la cucina con frutta e verdura.

N
NATSU = estate.
NETSUKE  = piccole sculture in avorio o legno; servivano per fissare all’obi del kimono una borsetta od altro.

O
OBI = fascia di tessuto atta a fissare il kimono al corpo.
OBIAGE =fascia che serve a far risaltare la bellezza dell’obi.

R
RENGA = componimento in versi a più mani (può avere da 36 a più di 1000 strofe).

S
SABI = concetto filosofico secondo cui il bello sta nella rusticità senza pretese e nell’arcaica imperfezione (vedi wabi).
SAIKABUSHI = il fiore numero 5 (quello che insieme a tanshi va a formare l’hananokokoro dell’ikebana).
SENSEI = maestro.
SHAKU = unità di misura (corrisponde a 30 cm).
SHIBUI = cosa di buon gusto, sobria e non sfarzosa o vistosa.
SHIZZEN = modo spontaneo in cui si dispongono le cose.
SUIBAN = contenitore per moribana.
SUMI-E = forma d’arte in cui i soggetti sono dipinti con inchiostro nero (da sumi=inchiostro nero; e=pittura)

T
TANABATA = festa delle stelle; cade sempre il 7 giorno del 7 mese.
TANSHI = significa “corto”; è il terzo elemento più importante; deve essere 1/3 di choshi; rappresenta la terra.
TAO = via, modo in cui opera l’Universo.
TEN = il cielo (il positivo); contrapposto a chi.
TOKONOMA = nicchia per ikebana.
TOMARIBUNE (o TOMARIFUNE) = barca all’ancora.

U
UKIYOE = i dipinti del mondo fluttuante; genere di pittura in voga all’epoca Tokugawa.

V
VA = armonia.

W
WABI = cocetto filosofico secondo cui il bello sta nell’incompletezza, nell’imperfezione e nel non-lusso (vedi sabi).
WARA = poesia

Y
YAMA = montagna.
YAMABUSHI = eremita della montagna.
YOHAKU = il vuoto.

Z
ZEN = ramo del buddhismo nato in Cina e sviluppatosi in Giappone a partire dal XIII secolo.
ZORI = infradito di paglia, talora rivestiti di tessuto.